Loading color scheme

Una svolta, ed una sovversione. “Kant con Sade”[1], di Jacques Lacan.

Illustrazione originale di Stefano Frassetto[2]

 

 

L’inconscio inaugurato da Freud concepisce ‘memoria’ più che immaginazione[3] : è questa l’affermazione più interessante che Lacan porge a Freud e forse cardine della sua stessa ripresa analitica, la coscienza ritrovandosi costruita dalle rappresentazioni del pensiero anziché costitutiva dell’umano e l’ ‘oggetto’ stesso del desiderio ritrovandosi costruito[4] e non iscritto.

“Kant con Sade” fu pubblicato sette anni dopo il “Seminario su ‘La lettera rubata’” in cui Jacques Lacan annotava la eventualità, avanzata da Freud di ‘un automatismo di ripetizione’ nel quale -sempre secondo Lacan - il linguaggio introdurrebbe la possibilità della sottrazione[5] fino al tradimento della memoria[6].

Il disagio non ammesso della memoria tradita apre al disagio tout court[7] e Lacan può ben affermare: “Si sta bene nel male o, se si vuole, l’eterno femminino non attira verso l’alto…”[8], dove ‘femminino’ non è ‘femminile’ e lo spregiativo batte l’udito benchè scritto, seppellendo le differenze individuali a cominciare dai sessi[9].

Una banale sottrazione alla memoria – e proprio in termini ragionieristici oltre che economici – è in realtà una menzogna, anzi una ‘calunnia’[10] - ci dice Lacan - verso la propria memoria, forse non ancora distinta ed individuata : ma apre alla menzogna generalizzata, visto che ‘de Sade’ propone una ‘repubblica’ in cui la ‘calunnia’ assurga a virtù. D’altra parte, agli ingenui si può chiedere di giudicare?

“Ci si limiti a tornare, per confermare questa prospettiva, alla dottrina con cui Sade stesso fonda il regno del suo principio. Quella dei diritti dell’uomo. E cioè : nessun uomo, proprio per il fatto di non poter essere in alcun modo proprietà od appannaggio di un altro uomo, potrebbe trarre pretesto da questo medesimo fatto per sospendere il diritto di tutti a godere di lui, ciascuno a suo piacimento.”[11]

“La legge morale (kantiana, ndr) non rappresenta forse il desiderio nel caso in cui non è più il soggetto ma l’oggetto a venire meno ?”[12]

“Ne risulta che il sadico nega l’esistenza dell’Altro.“[13]

Il tradimento di una memoria che ha perso il suo orientamento rischia di impazzire : esige allora un pilota, quantunque esterno ed Altro. Ed è qui la sovversione di ‘de Sade’ che la svolta kantiana consente[14].

“…Non bisogna dire piuttosto che il sadico rigetta nell’Altro il dolore di esistere, ma senza vedere che per questa via egli si muta in un ‘oggetto eterno’… ?”[15]  

“In Sade ne vediamo il test, cruciale ai nostri occhi, nel suo rifiuto della pena di morte… Sade dunque si è arrestato qui, nel punto in cui il desiderio si lega alla legge (individuale, ndr)… L’apologia del crimine lo spinge solo a confessare di traverso la Legge. L’Essere supremo è ricostituito nel Malefizio.”[16] E quindi ?

Lacan lascia qui che il lettore incauto si avventuri fra i rovi di una ricerca esiziale, e si allontani – persino vertiginosamente ma a ‘suo’ piacimento - da quel ‘legame essenziale della memoria con la legge’ che la rimozione rinnega, e rinnega.

 

                                Marina Bilotta Membretti, Cernusco sul Naviglio 12 febbraio 2021

 

[1] “Questo scritto doveva servire come prefazione a ‘La Philosophie dans le boudoir’. E’ apparso nella rivista ‘Critique’ (n.191, aprile 1963), in guisa di resoconto dell’edizione delle opere di Sade cui era destinato. Ed. du Cercle du Livre Précieux, 1963, 15 voll”, in “Kant con Sade” p.764 in ‘Jacques Lacan. Scritti’ Vol.II, a cura di Giacomo B. Contri Giulio Einaudi editore s.p.a. 1974 e 2002, ‘Biblioteca Einaudi’. Titolo originale : ‘Écrits’ (1966) ‘Éditions du Seuil’, Paris. 

[2] Stefano Frassetto Stefano Frassetto è nato a Torino nel 1968. Dopo la laurea in Architettura al Politecnico di Torino, ha iniziato come vignettista e disegnatore per alcuni giornali locali. A metà anni novanta ha cominciato a pubblicare anche in Francia, prima col mensile ‘Le Réverbère’ e in seguito col quotidiano ‘Libération’ : passato a sviluppare l’attività di fumettista col personaggio di Ippo per ‘Il Giornalino’ e poi la striscia ‘35MQ’ per il quotidiano svizzero ‘20 Minuti’, con l’anno 2000 fa il suo esordio su ‘La Stampa’ come ritrattista per le pagine culturali e per l’inserto ‘Tuttolibri’, poi per il settimanale culturale ‘Origami’. Oggi è anche ritrattista e illustratore presso il quotidiano svizzero ‘Le Temps’.

[3] “L’automatismo di ripetizione (Wiederholungszwang), - benchè nell’opera in causa la sua nozione si presenti destinata a rispondere a certi paradossi della clinica, quali i sogni della nevrosi traumatica o la reazione terapeutica negativa -, non potrebbe essere concepito come un’aggiunta, sia pure coronante, dell’edificio dottrinale. E’ la sua scoperta inaugurale che Freud vi riafferma : cioè la concezione della memoria che il suo ‘inconscio’ implica.”, p.42 “Il Seminario su ‘La lettera rubata’” in ‘Jacques Lacan. Scritti’ Vol.I, a cura di Giacomo B. Contri/ ‘Biblioteca Einaudi’ - Giulio Einaudi editore s.p.a. (1974 e 2002). 

[4] “Certi fenomeni della voce, specialmente quelli della psicosi, hanno appunto questo aspetto dell’oggetto…” p.772 

[5] “Ritroviamo qui (nella ‘Critica alla Ragion pratica’ di Kant, ndr) ciò che porta Kant ad esprimere rincrescimento che nessuna intuizione offra all’esperienza della legge morale un oggetto fenomenico. Conveniamo che lungo tutta la ‘Critica’ questo oggetto si sottrae. Lo si indovina però nella traccia lasciata dall’implacabile coerenza perseguita da Kant nel dimostrarne il sottrarsi…”, p.767 in “Kant con Sade”, in ‘Jacques Lacan. Scritti’ Vol.II, a cura di Giacomo B. Contri/ ‘Biblioteca Einaudi’ - Giulio Einaudi editore s.p.a. (1974 e 2002). 

[6] “…Una struttura, benchè resti ancora trasparente ai suoi dati, fa apparire il legame essenziale della memoria con la legge”, p.45 “Il Seminario su ‘La lettera rubata’” in ‘Jacques Lacan. Scritti’ Vol.I, a cura di Giacomo B. Contri/ ‘Biblioteca Einaudi’ - Giulio Einaudi editore s.p.a. (1974 e 2002).

[7] “ ‘La Filosofia nel boudoir’ (‘Marchese de Sade’, ndr) viene otto anni dopo la ‘Critica della ragion pratica’ (Immanuel Kant, ndr)… Diciamo che il nerbo del factum è dato nella massima che propone la sua regola al godimento, insolita nel suo porsi in termini di diritto alla moda di Kant, dato che si pone come regola universale. Enunciamo la massima : ‘Ho il diritto di godere del tuo corpo, può dirmi chiunque, e questo diritto lo eserciterò, senza che nessun limite possa arrestarmi nel capriccio delle esazioni ch’io possa avere il gusto di appagare’. Ecco la regola cui si pretende di sottomettere la volontà di tutti, per poco che una società la renda effettiva con le sue costrizioni…”, p.765 - 768 in “Kant con Sade”, ‘Jacques Lacan. Scritti’ Vol.II, a cura di Giacomo B. Contri/ ‘Biblioteca Einaudi’ - Giulio Einaudi editore s.p.a. (1974 e 2002). 

[8] p.765 e più in là, a p.788 “…mai l’opera ci presenta il successo di una seduzione in cui pure il fantasma troverebbe il suo coronamento : quella per cui la vittima… consentisse con l’intenzione del suo tormentatore, o s’arruolasse dalla sua parte per lo slancio di questo consenso.”in “Kant con Sade”, in ‘Jacques Lacan. Scritti’ Vol.II, a cura di Giacomo B. Contri/ ‘Biblioteca Einaudi’ - Giulio Einaudi editore s.p.a. (1974 e 2002). 

[9] ‘La questione economica del masochismo’, S.Freud (1924) OSF Bollati Boringhieri (2012) Vol.10 p.7-8 : “Ho dato l’appellativo di femmineo anche se molti dei suoi elementi rinviano alla vita infantile…” 

[10] “Per Sade si è sempre dalla stessa parte, buoni e cattivi; l’ingiuria non farà cambiare niente… Vi ci vuole un cuore ben saldo per seguire Sade quando esalta la calunnia, primo articolo della moralità da istituirsi nella sua repubblica”, p.788 in “Kant con Sade”, in ‘Jacques Lacan. Scritti’ Vol.II, a cura di Giacomo B. Contri/ ‘Biblioteca Einaudi’ - Giulio Einaudi editore s.p.a. (1974 e 2002). 

[11] p.770 in “Kant con Sade”, in ‘Jacques Lacan. Scritti’ Vol.II, a cura di Giacomo B. Contri/ ‘Biblioteca Einaudi’ - Giulio Einaudi editore s.p.a. (1974 e 2002). 

[12] p.781 in “Kant con Sade”, in ‘Jacques Lacan. Scritti’ Vol.II, a cura di Giacomo B. Contri/ ‘Biblioteca Einaudi’ - Giulio Einaudi editore s.p.a. (1974 e 2002). 

[13] p.778 in “Kant con Sade”, in ‘Jacques Lacan. Scritti’ Vol.II, a cura di Giacomo B. Contri/ ‘Biblioteca Einaudi’ - Giulio Einaudi editore s.p.a. (1974 e 2002).

[14] “Se Freud ha potuto enunciare il ‘suo’ principio del piacere senza nemmeno doversi curare di sottolineare che cosa lo distingue dalla sua funzione nell’etica tradizionale, …facendo eco al pregiudizio incontestato di due millenni, per ricordare l’attrazione che preordina la creatura al suo bene con la psicologia che s’iscrive in diversi miti di benevolenza, ne possiamo ringraziare soltanto l’insinuante ascesa, attraverso il secolo XIX, del tema della ‘felicità nel male’. Qui Sade è il passo inaugurale di una sovversione di cui, per quanto strano ciò possa sembrare se paragonato alla freddezza dell’uomo, Kant è la svolta decisiva, e per quanto ne sappiamo mai individuata come tale.”, p.764-765 in “Kant con Sade”, in ‘Jacques Lacan. Scritti’ Vol.II, a cura di Giacomo B. Contri/ ‘Biblioteca Einaudi’ - Giulio Einaudi editore s.p.a. (1974 e 2002). 

[15] p.778 in “Kant con Sade”, in ‘Jacques Lacan. Scritti’ Vol.II, a cura di Giacomo B. Contri/ ‘Biblioteca Einaudi’ - Giulio Einaudi editore s.p.a. (1974 e 2002). 

[16] p.790 in “Kant con Sade”, in ‘Jacques Lacan. Scritti’ Vol.II, a cura di Giacomo B. Contri/ ‘Biblioteca Einaudi’ - Giulio Einaudi editore s.p.a. (1974 e 2002).

 

 

Fissazione alla mancanza… Un eros senza corpo ?

Un eros senza corpo[1] ?

 

Illustrazione originale di Jacopo Ricci[2] : si tratta di una eccellente interpretazione della lezione di Freud in “L’umorismo” (1927). Per un attimo - il tempo di un flash del pensiero – la coscienza si lascia rappresentare aggrappata come un polipo ad un teschio che perde i pezzi, col risultato di mostrare al Soggetto quanto l’angoscia, che non permette di ragionare, sia invece affrontabile. L’umorismo, secondo Freud, è la disponibilità del Soggetto a trovare uno spiraglio risolutivo a quella ‘mancanza’, fissandosi alla quale incorrerà invece nella psicopatologia, debilitante e disabilitante.  

 

 

 

(Lou Andreas Salomè) : “…è un fatto squisitamente umano che l’uomo sia ed insieme non sia il suo corpo, che cioè il suo corpo, nonostante tutto, sia una parte come ogni altra della realtà esterna. Esso può così venir definito dall’esterno, con l’ausilio degli organi sensoriali, ricacciandolo perciò in una dipendenza che  rende ogni altra quasi irrilevante, simile ad un gioco da bambini, e priva di tragicità. Per tale ragione è proprio la malattia a farci ricordare tutto quel che di innocente e di commovente vi è nell’uomo; ma anche per questa stessa ragione tutto ciò suscita la sensazione che qualcuno soffra per noi tutti in quanto il suo modo di soffrire diviene per noi un simbolo di che cosa sia capace l’uomo.

(Sigmund Freud) : … Riflettendo sulle interessanti, ma non sempre accettabili osservazioni da Lei espresse sul rapporto tra l’uomo ed il suo supporto corporeo, mi domando come concepirebbe l’analoga relazione con un tale surrogato che cerca di essere Io e che nondimeno non può esserlo; un problema che si presenta già nel caso degli occhiali, della dentiera e della parrucca, ma non in modo così importuno come nel caso di una protesi ossea.”[3]

(Lou Andreas Salomè) : “…Per esempio, nella sfera erotica, quella che tocca più da vicino la donna; temevo proprio qui che la vecchiaia potesse arrivare troppo tardi (…) e che, di conseguenza avrebbe potuto defraudarmi di ciò che di più specifico ha da regalarci proprio in quanto vecchiaia. … Poiché, insieme all’esperienza erotica in senso stretto, ci si lascia alle spalle una via senza uscita… dove non c’è posto che per due persone una a fianco all’altra, per inoltrarsi invece in una distesa incommensurabile…”[4] 

(Lou Andreas Salomè) : “…Per altro verso, non mi convince altrettanto il Suo saggio sull’Umorismo[5] : cercherò brevemente di indicare perché. Il motivo è che l’istanza parentale, i cui effetti retroattivi condizionerebbero la superiorità umoristica, in fondo è la medesima istanza che ci ha educato a prendere sul serio tutti i dati di realtà che, in quanto bambini, preferivamo scavalcare e che, con tutti i suoi precetti e divieti, ha terribilmente svuotato di umorismo il nostro rapporto con la realtà[6]

(Sigmund Freud) : …La nostra divergenza d’opinioni riguardo all’umorismo mi ha ricordato che non sono riuscito a risolvere uno dei suoi enigmi : come mai le donne coltivino l’umorismo, o lo apprezzino, tanto meno degli uomini.”[7] 

 

                                                             Marina Bilotta Membretti, Cernusco sul Naviglio 14 novembre 2020

 

 

[1] Le citazioni sono tratte dalle lettere di Lou Andreas Salomè a Sigmund Freud, con i relativi commenti di Freud. “Eros e conoscenza. Lettere 1912-1936”, Ed. ‘Universale Bollati Boringhieri’ 2010.

[2] Illustratore indipendente di Valenza, Jacopo Ricci è nato a Milano negli incredibili anni ‘80 (1988 per la precisione). Disegna da sempre ma si innamora perdutamente di matite e pennelli solo dopo aver finito le scuole superiori. Collabora con riviste online e realizza i più svariati lavori su commissione. Nel 2018 illustra ‘Dottor Tremarella’  (libro autoprodotto) e ‘Guarda Oltre’ (sempre autoprodotto). Nel 2019 si avvicina alla serigrafia che gli permette di realizzare i lavori autonomamente, dall’idea fino alla stampa. Potete dare un’occhiata ad alcuni dei suoi disegni su:       https://www.facebook.com/jacoporicciillustratore  https://www.instagram.com/jacoporicciillustratore/

[3] Pag. 135 in “Eros e conoscenza. Lettere 1912-1936”, Ed. ‘Universale Bollati Boringhieri’ 2010.

[4] Pag. 163 in “Eros e conoscenza. Lettere 1912-1936”, Ed. ‘Universale Bollati Boringhieri’ 2010.

[5] ‘L’umorismo’, S. Freud (1927) in “OSF” Vol.10 pp.499-508 B.Boringhieri è un saggio brevissimo che segue il ‘Il motto di spirito e la sua relazione con l’inconscio’ (1905) e nel quale Freud conferma il risultato delle sue osservazioni sui pazienti, anticipando quella che resta la sua più feconda eredità : la competenza individuale nella cura del pensiero, e la strenua resistenza ad essa.

[6] La lettera di Lou Andreas Salomè è datata 6 novembre 1927 : il saggio ‘L’umorismo’ era stato letto da Anna Freud durante il Congresso a Innsbruck nel settembre 1927; fu pubblicato su ‘Almanach des Internationalen Psychoanalytischen Verlags für das Jahre 1928’.

[7] Pagg. 167-169 in “Eros e conoscenza. Lettere 1912-1936”, Ed. ‘Universale Bollati Boringhieri’ 2010.

 

 

L’adulto non separi ciò che il bambino unisce.

“Il Caso Matilde”[1] in n. 1/2017 ‘Psicoterapia e Scienze Umane’, Franco Angeli Editore.

 

 

“Il mio intervento[2] propone un percorso possibile laddove - ne “Il Caso Matilde” presentato da Marta Angellini - Monica Ceccarelli mette a fuoco ‘il crinale tra una psicomotricità a orientamento analitico ed una psicoterapia psicomotoria’ (n. 1/2017, p.143).

Il riferimento a celebri casi trattati da Freud porta ad una rilettura che può rivelarsi non solo feconda ma persino percorribile nell’odierno.

E’ significativo che Freud abbia deciso di pubblicare pochissimi fra tutti i casi che trattò, molto probabilmente per l’apporto innovatore che alcuni di questi conferirono alla nascente conoscenza psicoanalitica e quindi per la proficuità con cui i risultati raggiunti avrebbero potuto essere ripetuti in casi analoghi. Freud stesso modificò secondo logica e per gradi il ‘setting’ iniziale al quale tuttavia egli, e chiunque se ne riconosca erede, attribuì un insuperato profitto nel risultato del lavoro analitico.

Nel caso proposto apprendiamo che Matilde[3] si presenta con una domanda ‘non certa’ : offre un corpo che ‘era come se non abitasse’ (n. 1/2017 p. 134) e che si muoveva ‘nella sala con passo incerto e con un equilibrio alquanto instabile’ (p. 133).

Abbiamo di fronte una giovanissima paziente che stenta a riconoscersi protagonista della cura decisa dai suoi adulti – genitori, insegnanti, come ci informa l’Autrice – ai quali pure Matilde ha chiaramente comunicato un suo generico disagio. Tuttavia, Matilde si dimostra collaborante : anzi inizia, o meglio intraprende, una sua specifica iniziativa, che è ‘il gioco’, rispondendo così all’offerta della psicomotricista con un suo lavoro di elaborazione che è già lavoro analitico e che dunque non richiede altro che non sia rispondere al suo discorso, cioè al suo pensiero. Un gioco che è ‘il gioco di Matilde’ – ‘gioco ricchissimo’ e di ‘grande puntualità e acutezza’ (p. 135) che, come ci spiega l’Autrice, l’ha ‘sollecitata’.

Matilde coglie rapidamente l’aiuto offerto e porta in tavola, cioè mette subito a tema, ciò che fuori dalla stanza di psicomotricità non poteva iniziare e che dunque la induceva a sottrarsi alla domanda o offerta di altri possibili partner.

Marta Angellini ci informa che Matilde sta istituendo nella madre un partner di rapporto, ma tale suo lavoro è combattuto dalla nonna materna che lo banalizza umiliando il partner-madre, la cui difesa è purtroppo ingenua – ‘la gravidanza è stata costellata da attacchi di gelosia della madre… e Matilde aveva assistito a furibonde liti tra la madre e la nonna’ (p. 134). Userei piuttosto il termine ‘invidia’, in quanto patogena, della nonna materna nei confronti della madre, e soprattutto nei confronti di Matilde-oggetto-dell’invidia.

Non sappiamo nulla del padre in quanto partner di rapporto : tuttavia egli si presenta insieme alla madre, e dunque collaborante per un ‘percorso di sostegno alla genitorialità con Adriana Grotta’[4] (p. 134). E’ interessante che già al secondo anno di terapia, quindi intorno ai quattro anni di età, Matilde sperimenti la nascita di una sorellina, come risultato della soddisfazione coniugale dei genitori.

Anzi Matilde usa questa nascita per passare proficuamente a partner del padre e senza apparente conflitto con la madre – ‘inscena il matrimonio… inizia ad assumere frequentemente ruoli femminili… ha una maggiore sintonia… con la mamma’ (p. 137).

Ma è con il gioco inedito della piscina e delle lumache minacciose (terzo anno di terapia), nel quale riconosce la convenienza della parola, e col successivo e conclusivo gioco dell’acrobata (quarto anno) che Matilde si porta finalmente ad una soddisfazione cui l’offerta di ulteriori interventi rischia la ridondanza.

A questo proposito cito l’osservazione di Max Graf, padre del piccolo Hans, che Freud riporta a conferma del superamento della patologia lamentata dal bambino : ‘Da due giorni noto che Hans fa il disobbediente con me, risoluto ma senza sfrontatezza, con una specie di allegria.

Questo significa che non ha più paura di me, del cavallo ?’ (Sigmund Freud, ‘Analisi della fobia di un bambino di cinque anni’/1909)…”[5]

 

                                                        Marina Bilotta Membretti, Cernusco sul Naviglio 18 ottobre 2020

 

 

[1] “Il Caso Matilde” è stato presentato dalla psicomotricista Marta Angellini, con la supervisione di Monica Ceccarelli per la rubrica “Casi Clinici” sul n. 1/2017 di ‘Psicoterapia e Scienze Umane’/ Franco Angeli Editore, (pp. 133-142).

[2] Il testo cita il mio commento a “Il Caso Matilde”, pubblicato sul n. 3/2017 di ‘Psicoterapia e Scienze Umane’ (pp. 475-476).

[3] Matilde ha meno di tre anni all’inizio del Caso.

[4] Adriana Grotta è psicologa e psicoanalista, curatrice con altri della rubrica ‘Casi clinici’ in ‘Psicoterapia e Scienze Umane’ di Franco Angeli Editore.

[5] Nel Caso de “Il piccolo Hans”, Sigmund Freud descrive la fobìa e la guarigione di un bambino utilizzando il metodo analitico.

 

“Mi va”[1].

Investire nel talento.

Illustrazione originale di Stefano Frassetto[2]

 

 

 

“Mai più un ‘Sonderweg”[3].

E’ il pensiero che più ho apprezzato nei discorsi pubblici di Angela Merkel che qui condanna apertamente Hitler, il quale barattò cinicamente un valore fondamentale di dignità ed onore per i cittadini tedeschi, impegnati nella durissima ricostruzione postbellica, per giustificare una politica di aggressione e sopruso : il termine letteralmente si traduce con ‘via particolare’, riferendosi all’atteggiamento aristocratico che non accetta accordi né alleanze, ma pericolosamente suggestivo per una popolazione impoverita e disponibile a semplificazioni autoritarie.

E così, la stretta di mano sorridente con cui Angela Merkel ha accolto il 16 luglio 2019 la elezione di Ursula von der Leyen a presidente della Commissione europea[4] resta un flash che sovverte l’annoso storico delle ‘quote rosa’ : e d’altronde, parlare di Angela Merkel[5] - oggi al suo suo secondo mandato in qualità di presidente del Consiglio europeo - vuol dire riconoscere che le ‘quote rosa’ facevano, e fanno sorridere chi gestisce un potere.

“…Per molto tempo si è proceduto dicendo : le donne devono avere coraggio, le donne devono cambiare, le donne devono ottenere posti di lavoro, talvolta si devono anche cedere posti alle donne. Tutto questo è ottimo. Era importante, e con ciò si è ottenuto molto. Si corre il rischio tuttavia, che la donna debba diventare una specie di ‘super essere umano’ che, dalle caratteristiche intellettuali fino all’aspetto esteriore, dal prendersi cura della famiglia tenendo a mente le esigenze di ciascuno fino alla capacità organizzativa, si avvicini quanto più possibile alla perfezione… Dobbiamo incoraggiare un numero maggiore di donne a osare di scendere in campo aperto, di esporsi alla critica sociale, di essere in grado di resistervi e di non perdersi d’animo…”[6]

In effetti, una costante nella politica di Angela Merkel è il suo riferirsi ad una individuale capacità di orientamento che caratterizza l’umano, e fin dall’infanzia : salvo recederne anche solo occasionalmente, come si sa, sotto la pressione dell’angoscia.

“…Ricordo un giardiniere nel cortile della casa in cui crebbi – mio padre era un pastore evangelico – un ospizio della chiesa per persone psichicamente disturbate, gestito dalla diaconia. Anche i collaboratori del giardiniere erano persone con disturbi psichici. Naturalmente potevano andare da lui anche altre persone, sia perché non avevano meglio da fare sia perché avevano domande da porgli; tra queste c’ero io.

Da bambina avevo molto tempo libero, allora non andavo ancora all’asilo. Questo giardiniere, una persona anziana piuttosto robusta, mi ha trasmesso una grande fiducia di fondo ed una grande calma.

Aveva sempre tempo, cosa che apprezzavo grandemente, poiché mia madre non aveva sempre tempo, per non parlare di mio padre; quest’uomo però, che aveva molto lavoro da svolgere, trovava sempre il tempo per me. Da lui si potevano imparare molte cose sulla vita pratica. Per esempio, ho imparato come si ripicchettano le piante da fiore o a riconoscere i buoni ciclamini. Ho imparato da lui a parlare con persone psichicamente disabili.

Era un ambiente incredibilmente caldo, pieno di fiducia, buono, nel quale potevo mangiare carote sporche di terra, in cui potevo poltrire, ed in cui ricevetti persino una volta un sorso di tè nero. Era bello. Quest’uomo ha suscitato in me la sensazione di essere collegata alla terra, al suolo, alla natura…”[7]

Nata ad Amburgo nel 1954, all’età di sei mesi partì coi genitori per Templin, a ottanta chilometri da Berlino dove il padre era stato trasferito e dove nacquero il fratello e la sorella minori. Nel 1961 la costruzione del Muro di Berlino sconvolse la vita della famiglia, come lei stessa racconta[8] : per questo forse, nel 1989 la caduta di quel muro le si presentò come un bivio, e decise di abbandonare il lavoro di ricerca nel Dipartimento di Fisica dell’università, per entrare in politica. “…Con Michael Schindhelm[9] avevamo lavorato per qualche mese insieme, con scrivanie adiacenti all’ ‘Accademia delle scienze’. Ma soprattutto avevamo parlato, parlato e ancora parlato sul perché nella DDR[10] non fosse possibile esplorare i propri confini, sul perché tutto fosse così angusto, piccolo, modesto… Quando esattamente mi abbia regalato il libro non lo ricordo… Decisiva è stata la dedica… Scrisse : ‘Vai all’aperto!’ Era una delle cose più belle che mi si potessero dire in quegli anni. E quando decisi di partire, io come molti altri siamo andati all’aperto, verso il nuovo… Non chiedersi che cosa non funziona, ma chiedersi che cosa funziona. Questo era l’atteggiamento col quale noi, tedeschi dell’Est e dell’Ovest, abbiamo affrontato la svolta di quel periodo.”[11]

Eletta al Parlamento tedesco a trentasei anni, dal 2000 Angela Merkel è presidente dell’Unione Cristiano-Democratica (CDU). Nominata Cancelliere[12] nel 2005 è stata successivamente rieletta, con un governo ininterrotto che è attualmente al suo quarto mandato. Ma è con il coinvolgimento nella politica dell’Unione europea che Angela Merkel è entrata a buon diritto fra i padri costituenti dell’Europa.[13]

Già presidente del G8[14] nel 2007 e nel 2015, infatti, la sua politica è stata caratterizzata da sostanziali riforme in campo economico e sociale, che hanno trasferito potere dal governo centrale alle iniziative ed autorità locali : una rivoluzione che Angela Merkel descrive ‘pacifica’, riprendendo il ricordo personale della caduta del Muro.

Le sue linee guida hanno fatto leva fin da subito su un aumento dell’affidabilità, in politica come in economia, a partire però dal valore umano che fino ad allora non aveva trovato ascolto presso i centri del Potere in Germania ed in Europa[15]. “…Noi, e questa è la verità, viviamo da qualche tempo consumando il nostro patrimonio.”[16] “…Il futuro non può diventare la pattumiera dei problemi odierni irrisolti.”[17]

Il 16 settembre Ursula von der Leyen ha pronunciato il suo primo discorso sullo stato dell’Unione, confermando la politica di Angela Merkel in tutti questi anni di mandato : ha indicato specificamente come ‘storica’ la decisione di un ‘debito comune’ che può persino  anticipare una politica di integrazione finanziaria, certo ancora da definire. Ma questa volta la presidente della Commissione europea ha introdotto il tema ‘lavoro’ e soprattutto ‘apprendistato’, anche in Politica.

Rivolgendosi a giovani, e non solo, ha fatto riferimento a ‘Next Generation EU’ ed al ‘Quadro finanziario pluriennale dell’UE 2021-2027’, che dovranno impegnarsi per fornire all’Europa l’aiuto resosi necessario per le questioni ‘ambientale’ e ‘digitale’[18], cruciali nei prossimi mesi.

E se fosse questa una reale novità per chi ambisce il governare come professione onorevole e produttiva, anziché illudersi che si tratti di una ‘via speciale’ ?

 

                                          Marina Bilotta Membretti, Cernusco sul Naviglio 30 settembre 2020

 

 

[1] “THINK !”, 31 gennaio 2020 www.giacomocontri.it

[2] Stefano Frassetto è nato a Torino nel 1968. Dopo la laurea in Architettura al Politecnico di Torino, ha iniziato come vignettista e disegnatore per alcuni giornali locali. A metà anni novanta ha cominciato a pubblicare anche in Francia, prima col mensile ‘Le Réverbère’ e in seguito col quotidiano ‘Libération’ : passato a sviluppare l’attività di fumettista col personaggio di Ippo per ‘Il Giornalino’ e poi la striscia ‘35MQ’ per il quotidiano svizzero ‘20 Minuti’, con l’anno 2000 fa il suo esordio su ‘La Stampa’ come ritrattista per le pagine culturali e per l’inserto ‘Tuttolibri’, poi per il settimanale culturale ‘Origami’. Oggi è anche ritrattista e illustratore presso il quotidiano svizzero ‘Le Temps’.

[3] La frase completa : “Mai più un Sonderweg tedesco” è citata dal discorso tenuto il 13 febbraio 2003 di fronte al Bundestag in occasione del dibattito sul conflitto in Iraq : Angela Merkel confermò l’adesione della Germania alla NATO ed agli accordi presi, anche a costo di fornire un proprio contingente militare se questo fosse stato richiesto. Qui usa quindi il termine ‘Sonderweg’ come ‘indifferenza agli accordi’, ben conoscendo l’accento negativo che gli uditori recepiranno./ “Angela Merkel, parole di potere. Il pensiero della cancelliera” a cura di Robin Mishra. Edizione italiana a cura di Manuel Kromer, ‘Claudiana editore Srl’ 2012, p.186.

[4] Ursula von der Leyen, medico ed esponente del ‘Partito popolare europeo’ è stata eletta presidente della ‘Commissione europea’ dal Parlamento europeo il 16 luglio 2019 ed in carica dal 1°dicembre 2019 (preceduta dalla Commissione europea a presidenza Juncker) Agirà secondo il ‘Trattato di Lisbona’ (2007-2009) o ‘Trattato di riforma’ della precedente ‘Costituzione europea’ – progetto abbandonato nel 2007 - che ha regolamentato il ‘travaso di sovranità’ fra Paesi ed Unione e viceversa. Al ‘Trattato di Lisbona’ si è potuti arrivare grazie anche al lavoro di quanti si sono impegnati per una riscrittura della Costituzione : il ‘Comitato d’azione per la democrazia europea’, o ‘Gruppo Amato’ dal nome del coordinatore ed ex primo Ministro italiano Giuliano Amato, è stato sostenuto dalla Commissione europea con un mandato non ufficiale ed il testo conclusivo (2007) manteneva la Costituzione precedente con i criteri emersi durante le consultazioni con i governi dei singoli Paesi, restando quindi un riferimento per i negoziati sul futuro Trattato.

[5] Angela Merkel è laureata in Fisica ed è stata ricercatrice universitaria, prima di dedicarsi alla politica. Sposata, è figlia di un teologo e pastore luterano: nel 2011 è stata eletta Cancelliere – carica pubblica che corrisponde al nostro primo Ministro, dopo una graduale carriera politica nelle amministrazioni locali. 

[6] “Angela Merkel, parole di potere. Il pensiero della cancelliera”, ivi cit., pp.86-87. La citazione è riportata dal discorso di Angela Merkel tenuto a Berlino il 26 gennaio 2009,  in occasione del 90°anniversario della concessione del diritto di voto alle donne.

[7] “Angela Merkel, parole di potere. Il pensiero della cancelliera”, ivi cit., pp.199-200. La citazione è riportata dal discorso di Angela Merkel tenuto ad Amburgo il 17 giugno 1995 al Kirchentag - riunione biennale della chiesa evangelica, promossa da laici - che si tiene in città diverse della Germania.

[8] “I miei primi 35 anni di vita li ho trascorsi nella ex DDR. Ho sperimentato sulla mia pelle che valori come la libertà e la democrazia non sono ovvietà. E ho anche sperimentato quanto movimento può nascere dall’anelito alla libertà…” p.165 in “Angela Merkel, parole di potere. Il pensiero della cancelliera”, ivi cit. dal discorso del 1°maggio 2008 ad Aquisgrana.

[9] Michael Schindhelm, collega di Angela Merkel alla universitaria ’Accademia delle scienze’, e chimico quantistico.

[10] ‘DDR’, abbreviazione per ‘Deutsche Demokratische Republik’ : dopo l’abbattimento del Muro di Berlino nel 1989 la Repubblica fu governata dalla Unione cristiano-democratica CDU a cui Angela Merkel si iscrisse, venendo successivamente eletta fino alla carica di Cancelliere.

[11] “Angela Merkel, parole di potere. Il pensiero della cancelliera”, ivi cit., pp.134-135. La citazione è riportata dal discorso di Angela Merkel a Kiel, in occasione dell’anniversario della riunificazione tedesca il 3 ottobre 2006.

[12] Il Cancelliere federale è il capo del governo in Germania.

[13] “…Non è un segreto : le trattative per il ‘Trattato di Lisbona’ non sono sempre filate lisce… Sarebbe anche innaturale in una comunità di 27 Stati. Tuttavia, il fatto che quando si tratta di concludere, come è accaduto nello scorso anno, si trovi sempre l’unità, è una forza vitale dell’Europa. Talvolta dovremmo chiederci : che origine ha questa forza per la quale, nei momenti difficili, riusciamo sempre ad accordarci ?”, in “Angela Merkel, parole di potere. Il pensiero della cancelliera”, p.163 ivi cit. dal discorso tenuto il 1°maggio 2008 ad Aquisgrana, dopo il primo semestre di presidenza di Angela Merkel al Consiglio UE, caratterizzato dai cospicui lavori per il ‘Trattato di Lisbona’, o ‘Trattato di riforma’ perché avrebbe sostituito la precedente Costituzione UE.

[14] ‘G8’ - preceduto da ‘G6’ e ‘G7’ ed attualmente di nuovo ‘G7’ per l’uscita della Russia (chiesta dalla UE nel 2014, insieme a sanzioni economiche, a causa della illegittima annessione della Crimea e poi resa definitiva dalla Russia stessa nel 2017)  – è un forum politico a cui partecipano Canada, Francia, Germania, Giappone, Italia, Regno Unito, Stati Uniti d’America : si riunisce annualmente anche come forum economico. Dal 1999 ha cominciato a riunirsi il ‘G20’ cui partecipano, oltre ai capi di governo anche i ministri delle finanze ed i governatori delle banche centrali, col fine di favorire un accordo economico ed internazionale : di esso fanno parte, oltre ai ‘G8’ gli altri Paesi maggiormente industrializzati, in quanto il ‘G20’ rappresenta più dell’80% del PIL mondiale.

[15] Una riforma della tassazione delle aziende, indipendente dalla forma societaria, l’ampliamento di strutture assistenziali per l’infanzia e l’introduzione di un sussidio per mancato reddito, durante l’assenza per la nascita di un figlio, offerto indifferentemente al padre o alla madre sono state novità politiche introdotte in Germania durante il 1° governo di Angela Merkel. 

[16] “Angela Merkel, parole di potere. Il pensiero della cancelliera”, ivi cit., pp.134-135. La citazione è riportata dal primo discorso di ampio respiro di Angela Merkel, riguardo le riforme ritenute indispensabili e tenuto il 1°ottobre 2003 al ‘Deutsches Historisches Museum’ di Berlino. Fra il 2008 ed il 2009, davanti alla crisi finanziaria che mise in difficoltà anche alcune delle maggiori società tedesche, la Cancelliera Merkel approvò corposi rifinanziamenti dello Stato verso le aziende in crisi.

[17] “Angela Merkel, parole di potere. Il pensiero della cancelliera”, ivi cit., p.105. La citazione è riportata dal discorso di Angela Merkel tenuto il 13 giugno 2006 a Köningwinter.

[18] Fonte : I.S.P.I. ‘Istituto per gli Studi di Politica Internazionale’, Milano  https://www.ispionline.it

 

“Benfatto…!”

Un successo inedito.

 Illustrazione di Stefano Frassetto[1] per TutorSalus.net

 

 

 

“… ‘Sa, dottore, che oggi è l’ultima volta che sono qui?’

…Lei confessa che nulla la manda in collera più di sentire che qualcuno crede che la scena sul lago sia frutto della sua immaginazione. Dora mi era stata a sentire senza contraddirmi, come faceva di solito. Sembrava commossa; col tono più amabile, si congedò facendomi i più calorosi auguri di buon anno e… non ritornò più.

Il padre, che venne a trovarmi qualche altra volta, mi assicurò che sarebbe ritornata e che essa manifestamente desiderava continuare la cura. Ma il padre non era mai del tutto sincero. Fin quando aveva sperato che le mie chiacchiere avrebbero convinto Dora che tra lui e la signora K. non c’era altro che una buona amicizia, egli era stato favorevole al trattamento; ma quando aveva visto che fra le mie intenzioni non figurava questo proposito, il suo interesse per la cura era assai diminuito. Io sapevo che Dora non sarebbe ritornata…

Sarei riuscito a trattenere la ragazza se avessi sostenuto una parte ? Se avessi esagerato il valore che annettevo al suo ritorno ? Non so.

…Nonostante tutto l’interesse teorico, tutto il desiderio professionale di soccorrere il malato, io mi dico che ogni influenza psichica deve avere dei limiti e rispetto come tali anche la volontà e l’acume del paziente.

…La cura psicoanalitica non crea la traslazione, essa la scopre solamente, così come tutti gli altri processi psichici nascosti… Nella psicoanalisi – e ciò per la differenza dei fattori su cui si basa – tutti gli impulsi, anche quelli ostili, vengono risvegliati ed utilizzati dall’analisi col renderli coscienti, ed in tal modo la traslazione viene continuamente annullata…

Solo quindici mesi dopo la fine del trattamento e la stesura di questa mia relazione potei avere notizie dello stato di Dora e quindi dell’esito della cura. Il primo aprile… ella si ripresentò da me per completare la sua storia e per chiedere nuovamente il mio aiuto; ma mi bastò guardarla in volto per capire che questa richiesta non andava presa sul serio…

Sono passati anni da quella visita. Dora si è sposata, e precisamente – se non m’ingannano tutti gli indizi – con il giovane di cui si parlava nelle associazioni all’inizio dell’analisi del secondo sogno… così questo secondo sogno preannunciava dunque che si sarebbe staccata dal padre restituendosi alla vita.”[2]

 

                                          Marina Bilotta Membretti, Cernusco sul Naviglio 11 luglio 2020

 

[1] Stefano Frassetto è nato a Torino nel 1968. Dopo la laurea in Architettura al Politecnico di Torino, ha iniziato come vignettista e disegnatore per alcuni giornali locali. A metà anni novanta ha cominciato a pubblicare anche in Francia, prima col mensile ‘Le Réverbère’ e in seguito col quotidiano ‘Libération’ : passato a sviluppare l’attività di fumettista col personaggio di Ippo per ‘Il Giornalino’ e poi la striscia ‘35MQ’ per il quotidiano svizzero ‘20 Minuti’, con l’anno 2000 fa il suo esordio su ‘La Stampa’ come ritrattista per le pagine culturali e per l’inserto ‘Tuttolibri’, poi per il settimanale culturale ‘Origami’. Oggi è anche ritrattista e illustratore presso il quotidiano svizzero ‘Le Temps’.

[2] “Il Caso di Dora. Frammento di un’analisi d’isteria”, Sigmund Freud (1901) Edizione integrale di riferimento – Bollati Boringhieri 2014, Citaz. da p.179 a p.196.

 

Distretti produttivi. Non di sola zizzania vive l’uomo.

Un giardino accogliente è l’ambiente favorevole in cui anche una giovane quercia intraprendente può trovare da crescere.

 

 

 

Commentando ironicamente le indubbie scoperte della ‘intelligenza artificiale’ che si fondano sulla possibilità di descrivere il pensiero grazie alla manipolazione razionale eseguibile da un computer, il fisico Roger Penrose[1] concludeva : “…Spesso si afferma che è la mente ‘cosciente’ a comportarsi nel modo ‘razionale’ che noi possiamo capire, mentre sarebbe l’inconscio ad essere misterioso”.

L’inconscio freudiano infatti, resta appannaggio di quanti colgono il ‘razionale’ come processo che segue, ‘secondario’ cioè, quel processo ‘primario’, assolutamente personale, quindi non ripetibile né cedibile ma ‘individuabile’ dal soggetto : è grazie a questi salutari ‘flashes’ del pensiero che il lavoro analitico consente di trovare quei collegamenti – altrimenti oscurati dalla coscienza – in cui consiste la indispensabile competenza individuale nella cura, e cioè le soluzioni trascurate dal soggetto. E’ insomma questa la ‘conoscenza’ e la ‘scienza’ tout court, senza la quale nessuna ‘scoperta’ minima o massima viene resa possibile : eppure ostacolata in tutti i modi, persino dal soggetto stesso, continuamente ‘tentato’ dal delegare qualcuno della ‘comunità’ in cui si riconosce.

Fu verosimilmente questo arbitrario passaggio da una razionalità individuale, capace di collegare atti e fatti che a terzi paiono scollegati, ad una razionalità pre-giudicatamente ‘collettiva’ – sottoposta cioè ad imperativi culturali indebitamente trascurati – che allontanò l’allievo Karl Gustav Jung[2] dal lavoro scientifico di Freud, fino a far apprezzare le ‘nuove’ affermazioni di Jung alle comunità accademiche che poterono così approdare alle prime ‘Teorie dei giochi’[3] ed alla manipolazione dei valori individuali, indispensabile perchè ‘il gioco’ funzioni.

E’ proprio questa ‘manipolazione’ dei valori individuali, assolutamente ‘soft’ perché l’individuo accetti ma necessaria alle Teorie prescrittive – quindi in ciò ‘non scientifiche’ - quell’imperativo a cui solo faticosamente l’individuo può sottrarsi, a meno di raccogliere la ‘scienza individuale’ che Freud chiamò ‘inconscio’, che si traduce infatti con un ‘non ancora consapevole’.

Einstein spiegò, nel risolvere il problema dell’effetto fotoelettrico che gli valse il Premio Nobel nel 1921, che egli riusciva a pensare grazie ad “immagini più o meno chiare che possono ‘a richiesta’ essere combinate e riprodotte”[4]. Quali parametri allora precedono quel mitico ‘comportamento casuale’ onnipresente negli algoritmi ?

Daniel Kahneman[5], uno dei massimi teorici del ‘comportamentismo’ afferma che solo le “impressioni altamente accessibili prodotte dal sistema ‘1’ governano giudizi e preferenze…” : ed infatti è stato provato che  anche i problemi ‘logicamente isomorfi’[6] evidenziano percorsi assolutamente individuali nella soluzione.

Dobbiamo ad Alfred Marshall[7] ed alla sua critica non marxiana della crisi sopraggiunta alla ‘fase Ford’[8] negli Stati Uniti, l’individuazione di un sentiero inesplorato : quello delle capacità umane e del ‘capitale sociale locale’ che fecero letteralmente risollevare lo sguardo a quanti, fra politici economisti e studiosi restavano chini sul destino minacciato da Marx  a causa della separazione fra chi lavora e gli strumenti di produzione.

Si trattò, e si tratta di una ‘correzione’ indispensabile della Cultura prevalente : dacchè imprese sempre più grandi e concentrate devono necessariamente essere affiancate da agglomerati geolocalizzati di imprese medie e piccole, capaci di modulare adeguatamente la propria struttura produttiva per supportare il proprio ed altrui sviluppo, e non solo sopravvivenza.

Vorrei citare l’economista Giacomo Becattini[9] ed il suo agile saggio “Dal distretto industriale allo sviluppo locale” che riporta un sottotitolo notevole, ‘Svolgimento e difesa di una idea’: “…Nel distretto si produce capitale”[10], inteso come “possesso delle conoscenze e delle relazioni sociali che hanno rilievo produttivo in ogni dato contesto storico”, e si produce ‘capitale diffuso’ cioè “un ambiente in cui il ‘know how’ sia diffuso e la conoscenza personale consente relazioni di fiducia differenziata”.

Il distretto produttivo insomma “apre continuamente, qua o là, nuove possibilità di accesso all’attività imprenditoriale…”, e specificamente quel “rischio d’impresa…” per cui l’investimento – che è percorso di pensiero anzitutto rappresentativo e quindi individuale - può dare valore ad un successo abbastanza probabile, perché si aggancia a realtà sperimentate dall’individuo.

La economista Mariana Mazzucato[11] riconosce allo Stato una ‘governance’ indispensabile, oggi ancor più che in passato, nell’assumersi il rischio maggiore che è anche un investimento a lungo termine, quello del ‘favorire’ un ambiente imprenditoriale e quindi ad innovazione, non soltanto tecnologica : attraverso, per esempio le promettenti ‘banche per lo sviluppo’.

Auguriamoci dunque – ma solo per quanto riguarda ogni Stato, i Governi che lo rappresentano e le Burocrazie a cui spetta il delicato compito di rendere credibili Leggi e Decreti - che sappiano tener conto della realtà sperimentata di un ‘rischio diseguale’.

 

                                                                         Marina Bilotta Membretti, Cernusco sul Naviglio 16 maggio 2020

 

 

[1] Sir Roger Penrose (1931), è matematico e cosmologo, laureatosi all’Università di Cambridge e professore emerito all’Università di Oxford : insieme a Stephen Hawking (1942-2018) col quale rimasero in dibattito su ipotesi differenti, ha ricevuto nel 1988 il Premio Wolf per la Fisica. Qui cito il suo testo “La mente nuova dell’Imperatore”, Rizzoli Editore  1992, p.520.

[2] Karl Gustav Jung (1875-1961) fu psichiatra svizzero, psicoanalista allievo di Freud ed inventore di quella “psicologia analitica” che lo allontanò da Freud dopo la pubblicazione di “La libido” nel 1912.

J Il riferimento teorico resta “Theory of Games and Economic Behaviour”, di John von Neumann ed Oskar Morgenstern – 1947 ‘Princeton University Press’.

[4] “Il valore della scienza”, Henri Poincarè / trad. ital. 1992, Ed. Dedalo Bari: tratto da “The Value of Science”, Henri Poincarè 1913 ‘Science Press’.

[5] “Mappe di razionalità limitata : indagine sui giudizi e le scelte intuitivi”, Daniel Kahneman in “Critica della ragione economica. Tre saggi : Kahneman, Mc Fadden, Smith” a cura di Motterlini – Piattelli – Palmarini, Ed. “il Saggiatore” 2012, p.126.

[6] “Calcoli morali”, Lazlo Mèro - Ed. Dedalo Bari 2012, p.286 : “due problemi si dicono logicamente isomorfi  se le loro strutture logiche formali sono identiche”. Lazlo Mèro è matematico e psicologo ungherese, il suo saggio “Calcoli morali” ha ricevuto nel 1999 il premio come miglior libro di scienza in Germania.

[7] “Industria e carattere. Saggi sul pensiero di Alfred Marshall”, Giacomo Becattini - “Le Monnier Università” 2010. Alfred Marshall (Londra 1842 – Cambridge 1924), è stato uno dei più influenti economisti del secolo scorso : i suoi “Principi di Economia” (1881) e “Industria e Commercio” (1919) sono tuttora un riferimento in Politica economica.  

[8] ‘Fordismo’ fu un termine peggiorativo coniato in realtà solo successivamente alla esponenziale produttività delle fabbriche automobilistiche ‘Ford’ all’inizio del ‘900 negli Stati Uniti, ottenuta con una meccanizzazione esasperata, una intensa sottomissione organizzativa e retribuzioni elevate : caratteri tutti che per qualche decennio ricevettero un cospicuo e diffuso apprezzamento. Purtroppo le conseguenze impreviste furono la incapacità di modulare la produzione fino ad un tragico eccesso produttivo generalizzato e quindi di una offerta di beni sovradimensionata,  anticamera di quella che ancora oggi è nota come ‘Grande depressione’ del 1929.

[9] Giacomo Becattini (1927-2017) è stato professore emerito di Economia politica all’Università di Firenze, membro delle ‘Accademie dei Lincei’, membro onorario di ‘Trinity Hall’ (uno dei College più antichi di Cambridge), laureato ‘honoris causa’ dall’Università di Urbino e presidente della ‘Società Italiana degli Economisti’ : studioso di Alfred Marshall e dello sviluppo post-bellico in Italia ha pubblicato saggi anche sul distretto industriale di Prato, di cui è stato cittadino onorario.

[10] “Dal distretto industriale allo sviluppo locale. Svolgimento e difesa di una idea”, Giacomo Becattini – Ediz. Bollati Boringhieri 2000, p.53

[11] “Lo Stato innovatore. Sfatare il mito del pubblico contro il privato”, Mariana Mazzucato 2013 – Editori Laterza Bari.