Loading color scheme

ON/OFF.

Nella foto : le sorgenti del Po, Moncenisio - Pian del Re (Crissolo-CN)

 

 

“La tecnica psicoanalitica obbedisce alla regola di ‘non’ omissione e di ‘non sistematizzazione’, che abolisce la co-incidenza nel disordine di patologia e mondo, o Cultura”.

“La formazione dell’analista è il fatto che uno si candida a formarsi in quanto adire una forma e norma, non ad addestrarsi (‘training’).[1]

 

 

Il vantaggio di una vocazione[2] /10. 

 

Omissione, e sistematizzazione della omissione : è la inabilitazione della logica, o principio di non contraddizione, che la coscienza mette in atto non avendo altra difesa dalle Teorie affettive, a danno però della competenza individuale.

Un analista ha competenza di come la coscienza inabilita la logica.

 

Marina Bilotta Membretti, Cernusco sul Naviglio 10 agosto 2022

 

 

[1] Cit. da: “La formazione dello psicoanalista” - Parag. IV ‘Certezza della tecnica’ in ‘THINK!’ di Giacomo B. Contri 17-18 maggio 2014.

[2] www.tutorsalus.net/index.php/it/pensare-da-partner/253-il-vantaggio-di-una-vocazione-psicoanalista-e-professione

 

De-fence.

Attraversate le siepi appenniniche che, da Passo Penice scendono lungo il torrente Tidone, affluente del Po, fino al Lago artificiale di Trebecco, appare improvvisamente la grandiosa Diga del Molato inaugurata nel 1921 su un progetto lungimirante, ma che il perdurare di un ridotto afflusso delle acque - prelevate anzitutto per le agricolture locali che esclusivamente alla Diga chiedono apporto – rende oggi sofferente al limite di un ‘deflusso minimo vitale’ nemmeno aggiornato, ed a danno non solo di agricoltura ed allevamento, pesci e selvaggina ormai qui adattati da un secolo, ma anche di ogni seppur minimo contributo all’immissione in rete di energia (idroelettrica nel caso).

 

Il vantaggio di una vocazione[1]/9.

Ostacolo alla difesa è la inibizione[2], che può essere solo secondaria, in quanto pensiero di non avere pensieri, acqua al proprio mulino : in realtà il pensiero iniziale (o inconscio) è una sorgente inesauribile che non può quindi interromperne la scienza, né tantomeno il diritto ad esercitarla.

 

                                                  Marina Bilotta Membretti, Cernusco sul Naviglio 23 luglio 2022

 

 

[1] www.tutorsalus.net/index.php/it/pensare-da-partner/253-il-vantaggio-di-una-vocazione-psicoanalista-e-professione 

[2] “La certezza primaria di Freud… è che non c’è animale umano…: ‘animale razionale’, ‘animale politico’, ‘animal grazioso e benigno’, legge naturale, istinto, attrazione, fino al mistico ‘fascino’… Freud ha fondato l’uomo come uomo, semplicemente riconoscendogli-restituendogli una legge di moto del suo corpo, soltanto umana, artificiale non naturale, che nel suo lessico è chiamata ‘pulsione’, un montaggio di quattro articoli : è la legge della soddisfazione a condizione che sia soddisfatta la legge, intellettualmente e materialmente. Ho proposto di perfezionare questa legge con la rivoluzione del sostituire in esso la ‘materia prima implicante il lavoro’ di due partner, all’ ‘oggetto’.” Cit. da : ‘Certezza della legge’ in ‘Paragrafo III - La formazione dello psicoanalista’, Giacomo B. Contri / ‘THINK!’ 15 maggio 2014.

auctoritas.

 

“Non c’è fede, affidabilità, se non c’è profitto dell’altro.

Sono dunque tre i miei capitoli conclusivi : Diritto, Scienza, Fede.”[1]

 

 

 

Il vantaggio di una vocazione[2] /8.

 

Dissimilmente dal pescare che in determinate condizioni può essere svolto in autonomia, il lavoro analitico poggia sulla competenza di tre persone, distinte e distanziate : analista analizzando supervisore, dove la competenza trainante spetta all’analizzando in quanto autorevole anche nel riconoscere quello stato di temporanea impasse che lo rende richiedente supporto per sua più vantaggiosa difesa.

 

                                      Marina Bilotta Membretti, Cernusco sul Naviglio 14 luglio 2022

 

[1] Cit. da : ‘Tre capitoli’, Contributo 7 gennaio 2022 di Giacomo B. Contri per il Simposio ‘Amore’ 2021 – 2022, organizzato da ‘Società Amici del Pensiero’.

[2] www.tutorsalus.net/index.php/it/pensare-da-partner/253-il-vantaggio-di-una-vocazione-psicoanalista-e-professione

 

 

 

 

 

Ambizione[1].

…oppure desiderio.

 

                                                                                                         Il vantaggio di una vocazione[2] / 7

 

 

Un bivio non si presta a farsi ritrarre.[3]

 

 

                                                   Marina Bilotta Membretti, Cernusco sul Naviglio 17 giugno 2022

 

 

<Nella immagine : citaz. da : ‘Shangai 1949’ in ‘Henri Cartier-Bresson. Cina 1948-1949 / 1958’, MU.DE.C. ‘Museo delle Culture’, Milano 18.02 – 03.07 / 2022>

 

 

 

 

 

 

[1] “Lavora in modo da recepire, o percepire (il beneficio), mettendo in moto il lavoro di un altro” (è il concetto di investimento, ‘Besetzung’, comportante obbligazione)” – ‘Il pensiero di natura’, di Giacomo B. Contri  - SIC Edizioni (1998) p.18

[2]www.tutorsalus.net/index.php/it/pensare-da-partner/253-il-vantaggio-di-una-vocazione-psicoanalista-e-professione 

[3] “L’uomo freudiano è trascendente rispetto alla natura – cervello compreso – e senza le tradizionali ‘manfrine’ sulla trascendenza. C’è un peccato (altra parola mia) individuato da Freud, che è un peccato di omissione detto anche ‘rinuncia pulsionale’ o meglio ‘rinuncia alla pulsione’ (‘Triebverzicht’) : si tratta di omissione nell’osservanza degli articoli della legge ‘pulsione’, omissione in cui sono legate insoddisfazione e angoscia. Alla omissione (che nella nevrosi si chiama ‘rimozione’…) segue sistematizzazione-censura : questa consiste nel suturare, intellettualmente e praticamente, i due lembi della ferita o lacuna prodotta dalla omissione, così che la omissione non appaia… Il ‘Triebverzicht’ è riconosciuto da Freud nella Cultura così come nella produzione della patologia individuale, come conseguenza – non effetto naturale – di un trauma, che io dico sempre consistere in una Teoria patogena. Freud auspica la caduta di omissione-sistematizzazione come condizione di un Ordine, invece di un Sistema contradditorio e conflittuale, imperativo fino a feroce e osceno.”, cit. da : ‘La formazione dello psicoanalista’, di Giacomo B. Contri in ‘THINK!’ 15 maggio 2014 – Par. III ‘Certezza della legge’